Ronzone e lo Spezia. Il nuovo binomio che scandirà le prossime settimane di ogni tifoso aquilotto, nella speranza che la seconda parte di ritiro proceda più linearmente rispetto alla prima. 

COSA VEDERE? - Tra giardini in fiore, palazzi d'epoca e scorci impagabili, i tifosi dello Spezia potranno godere di un nuovo paradiso montano e conciliare il relax del Trentino al piacere di vedere da vicino i beniamini aquilotti. Ronzone, il colorato paese della Val di Non, diventerà infatti protagonista assoluto nei momenti in cui la squadra di Thiago Motta riposerà, con l'agenda quotidiana del tifoso che dovrà per forza di cose subire un mutamento. E allora perché non godere di montagne, guglie, laghi, paesi e scorci che tanti in giro per il mondo ci invidiano? Quindi, per facilitare la vacanza-ritiro di ogni supporter aquilotto, abbiamo selezionato cinque attrazioni da vedere assolutamente nei pressi di Ronzone quando lo Spezia non si allenerà. Andiamo a conoscerle!

1) IL GIARDINO DELLA ROSA

Il 'Giardino della Rosa' sorge nella zona ovest della cittadina trentina e offrirà al tifoso aquilotto un interessante percorso didattico alla scoperta di tutte le specie e le varietà di rosa presenti nel mondo. Botaniche, antiche, ibride, autoctone o rare: oltre 500 varietà del fiore più famoso costellano 1km di vialetti e 400m di pergolettato, tra i quali sarà possibile passeggiare per conoscere al meglio la loro provenienza e la loro storia. Qui colori e profumi si mescoleranno nel calderone delle meraviglie, offrendo al gitante un'esperienza più unica che rara. 

2) LAGO DI TOVEL 

Il viaggio nei colori prosegue a soli 40 minuti di macchina da Ronzone, dove si trova uno degli specchi d'acqua più affascinanti dell'intero arco alpino: il Lago di Tovel. Acque cristalline, splendide guglie e l'incantevole magia della Val di Non sono gli ingredienti della passeggiata sulle sponde di un angolo di paradiso terrestre a pochi kilometri da dove Maggiore e compagni si alleneranno. Incastonato a 1178 metri d'altitudine tra le Dolomiti del Brenta e il Monte Peller, Tovel è divenuto famoso in Italia e nel mondo per l'alga color porpora che colorava le sue acque di rosso, conferendo connotati ultraterreni a un luogo già di per sé magico e fuori dal comune. Sebbene tale evento non si verifichi più dagli anni '60, la possibilità di godere delle cristalline acque del Trentino non può veramente essere lasciata. 

3) LAGO SMERALDO

Da un lago all'altro, da Tovel allo Smeraldo. Questo piccolo specchio d'acqua, che prende il nome dalla preziosa pietra, è un lago d'origine artificiale sulle cui sponde è possibile rilassarsi e rigenerarsi godendo del verde acceso delle sue acque. Situato a pochi kilometri da Ronzone, il Lago Smeraldo, pur nelle sue ridotte dimensioni, offrirà ai supporters aquilotti una notevole quantità di scelta. Dai gustosi ristoranti che sorgono nelle vicinanze, alla pesca, al 'Sentiero del Burrone': una piacevole passeggiata tra i boschi della Val di Non, che collega il paese di Fondo allo specchio d'acqua attraverso uno spettacolare canyon scavato dal torrente Rio Sass. 

4) SANTUARIO DI SAN ROMEDIO

Abbandoniamo le cristalline e colorate acque dei laghi Smeraldo e Tovel, per approdare ai piedi di uno dei più interessanti esempi di arte cristiana medioevale in Trentino: il Santuario di San Romedio. Situato nelle vicinanze di Sanzeno, a un quarto d'ora di macchina da Ronzone, il complesso sorge su una rupe calcarea alta oltre settanta metri. Tra leggende, pellegrinaggi e racconti paesani, resiste alle intemperie del tempo dal XI secolo e oggi è, anche per la splendida cornice naturale in cui è immerso, uno dei luoghi da non perdere se ci si trova nelle vicinanze. 

5) LA CASCATA DI TRET

I canyon sono indiscutibilmente uno dei tratti più caratteristici dell'intere Val di Non. Uno di questi, il "Mondino", è raggiungibile traverso una comoda escursione, che permetterà al gitante di raggiungerne la base e ammirare la poderosa Cascata di Tret. La potenza e l'incoscienza dell'acqua che si lancia nel vuoto, il fragoroso rumore del suo salto e lo straordinario paesaggio che la circonda, non potranno che spingere il tifoso dello Spezia a prendere l'auto, percorrere pochi kilometri e recarsi a Tret. Il paese dal quale trae origine una breve e facile camminata, che dalla frazione porterà nelle vicinanze della gola dove la cascata inscena il personale spettacolo. 

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 25 luglio 2021 alle 11:30
Autore: Daniele Izzo
vedi letture
Print