Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, mister Vincenzo Italiano ha analizzato la partita del 'Bentegodi', a partire da un piccolo dettaglio colto dalle telecamere dell'emittente, ovvero il commento dopo il gol di Saponara: "Siamo lo Spezia, guarda come può andare a finire..."

«Nella mia testa sono passate tante partite in cui negli ultimi minuti abbiamo perso punti importanti come con la Roma e la Lazio. A volte non riusciamo più a ragionare e il timore c'è sempre. Siamo stati bravi a pareggiare questa partita, a far segnare Saponara con l’assist dell’altro subentrato Agudelo. Di questo ne sono felice, una squadra come la nostra ha bisogno di chi gioca, chi entra, chi va in panchina e in tribuna.»

Quanto sarebbe importante conquistare la salvezza, quanto la desiderate? «Davvero tanto. Abbiamo fatto degli sforzi enormi, sapete come siamo partiti, le difficoltà che abbiamo e che squadra siamo. Dobbiamo spingere sempre forte. Oggi nel primo tempo abbiamo avuto un po' di ansia e timore ed è normale, le partite sono sempre meno, i punti sono pesanti e questo per noi oggi è un punto davvero troppo importante.»

Come state fisicamente per il finale? «Arriviamo bene, due partite fa abbiamo pareggiato con la squadra più forte d’Italia, tenendo botta. Il problema è l’aspetto mentale, il fisico regge, i calciatori a questo livello sono allenati bene. E' la testa che non deve mollare, che deve fare viaggiare le gambe. Sono convinto che i ragazzi sanno l’importanza di restare in questa categoria e penso di doverli richiamare su questo aspetto.»

Il gol arriva da due dei giocatori più qualitativi, potranno essere preziosi per uno Spezia un po' affaticato? «La qualità è quella che fa vincere le partite. Oggi avevamo preparato questo, cercare di mettere a gara in corso la velocità di Agudelo, Acampora e Saponara per forzarla. Sono felice, confezionare un gol con chi entra in corsa per un allenatore è troppo bello. La qualità e l’intelligenza alla fine pagano, loro sono giocatori che mi auguro possano fare la differenza in queste quattro partite».

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 01 maggio 2021 alle 17:37
Autore: Lidia Vivaldi
Vedi letture
Print