Al termine della rocambolesca sconfitta contro l'Atalanta, Mister Thiago Motta si è presentato ai microfoni di SKY per analizzare la prestazione dei suoi giocatori. 5-2 il risultato finale, con lo Spezia che ha giocato a viso aperto e a tratti alla pari contro l'Atalanta ma viene travolto dalla superiorità dell'avversario, anche a causa di alcuni errori individuali.

Cosa ha detto alla squadra dopo aver preso cinque goal senza meritarlo per come siete scesi in campo?

Dobbiamo riguardare la partita per capire i goal che abbiamo preso, quando li abbiamo presi e come, per vedere per il futuro dove migliorare per la prossima partita.

Secondo lei il rigore parato e poi ribattuto può essere un momento chiave? Poteva girare a favore vostro e invece l'Atalanta è andata in vantaggio.

Questi episodi in una partita contano, la partita era bella, le due squadre attaccavano, aperti per fare goal, anche il pubblico ha visto un bel primo tempo, non so se alla pari ma noi abbiamo aggredito loro in attacco. Anche loro sono abituati perché lo fanno sempre, dominano, attaccano e portano avanti tanti uomini, noi cerchiamo di recuperare e fare la stessa cosa. Alla fine questo episodio del rigore conta ma noi dobbiamo continuare a giocare, loro alla fine sono stati più forti, anche se il risultato non rispecchia la prestazione.

Il ritorno al goal di Nzola è una delle cose positive, ci voleva per lui e per lo Spezia.

Si per lui e per la squadra, sta ritrovando la sua forma, ci sono altri punti positivi, soprattutto in attacco, siamo arrivati in area e abbiamo creato, ci manca quella cattiveria agonistica per finire le azioni nel modo giusto, per segnare come ha fatto l’Atalanta con Muriel e Malinovsky, sono cose che contano tantissimo, segnare in attacco e non subire questi goal in difesa.

Ha sottolineato i due goal subiti nella mezz'ora finale, dove subite troppi goal, si è dato una spiegazione per questi blackout difensivi?

Penso che dobbiamo migliorare per le caratteristiche dei giocatori che abbiamo, dobbiamo fare di più tutti insieme per non dare queste opportunità agli avversari, queste occasioni dove giocatori forti come Malinovksy e Muriel segnano, noi lo sappiamo e dobbiamo migliorare come collettivo.

Sezione: Interviste / Data: Sab 20 novembre 2021 alle 18:35
Autore: Gian Maria Tosi
vedi letture
Print