Non sono passate nemmeno 24 ore dall'impresa dello Spezia alla Dacia Arena contro l'Udinese ma l'entusiasmo è ancora alto. Tramite il sito ufficiale arriva il pensiero del presidente Presidente Philip Platek:

«Quella di Udine è stata una serata emozionante che rimarrà per sempre nella memoria di tutti coloro che amano lo Spezia Calcio. Per il secondo anno consecutivo abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati ad inizio stagione, guadagnando meritatamente la possibilità di vivere una nuova stagione da protagonisti in Serie A. Abbiamo superato ostacoli che sembravano insormontabili. Abbiamo riscritto una storia che per molti vedeva il nostro destino segnato. Abbiamo dimostrato che questo Club non si arrende mai. Il merito di tutto ciò è sicuramente di un gruppo di ragazzi davvero speciale, che ha lottato duramente per tutta la stagione, senza mai mollare, riuscendo sempre a trovare la forza per risorgere da ogni momento difficile. A questi giovani professionisti e allo staff tecnico che ha saputo trarre il meglio da ciascuno di loro, vanno i ringraziamenti di tutta la Proprietà. Credo inoltre che sia doveroso ringraziare tutti quei seri professionisti che ruotano intorno alla squadra, a partire dalla Dirigenza, passando per tutti i dipendenti del Club, lo staff medico e i fondamentali magazzinieri, tutte persone che lavorano costantemente con il solo pensiero di rendere grande lo Spezia Calcio e il cui lavoro anche quest’anno ha reso tutto possibile.Infine, dal profondo del mio cuore, voglio ringraziare e abbracciare idealmente ogni tifoso di questo meraviglioso Club, la cui energia, passione e amore, ha consentito alle nostre Aquile di scendere in campo potendo contare sempre su un meraviglioso dodicesimo uomo: questo nuovo traguardo è dedicato a loro che fin dal nostro arrivo hanno saputo trasmetterci emozioni uniche e che con un solo sguardo sanno raccontare tutto l’orgoglio di essere tifosi dello Spezia Calcio».

GRAZIE!!!

FORZA AQUILE! FORZA SPEZIA!"

Sezione: Interviste / Data: Dom 15 maggio 2022 alle 16:10
Autore: Francesca Balestri
vedi letture
Print