Jacopo Sala, tuttofare dello Spezia, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai canali ufficiali della Lega Serie A. La prima domanda ha interessato il ruolo dell'ex Sampdoria. Con Italiano venne impiegato come terzino destro; poi Thiago Motta lo schierà da mediano e lì la sua avventura in riva al Golfo dei Poeti cambiò:

«A me è sempre piaciuto fare la mezzala e quindi quando Motta mi ha riproposto lì sono subito stato contento. Gotti ha un metodo di lavoro molto intenso, abbiamo alzato ritmi e chilometri. Vuole che la squadra sia corta, che corra molto, che tenga il possesso palla e che si attacchi la profondità. Questi sono i primi concetti che mi vengono in mente. Siamo un gruppo sano che si è sempre messo a disposizione di tutti gli allenatori».

Dal campo agli spalti. Sala ha sottolineato che: «I tifosi in città sono molto calorosi e ci fanno sentire la loro vicinanza. Abbiamo passato momenti difficili l’anno scorso e loro non hanno mai fatto mancare la loro presenza, sono stati determinanti per centrare l’impresa di una seconda salvezza. Io e la mia famiglia stiamo molto bene alla Spezia».

La chiosa è personale, sul figlio: «Una sensazione incredibile averla in braccio, mi avevano detto che non avrei avuto le parole per descriverla».

Sezione: Interviste / Data: Mar 02 agosto 2022 alle 09:00
Autore: Daniele Izzo
vedi letture
Print