Spezia - Parma si è conclusa 2-2, come all'andata. Se un girone fa, però, dalle voci dei tifosi Aquilotti traspirava rammarico per tre punti sfuggiti all'ultimo respiro, oggi c'è soddisfazione. La doppietta di Gyasi, infatti, ha permesso alla squadra di Vincenzo Italiano di recuperare una partita che sembrava persa e, come si diceva una volta, 'render pan per focaccia'. O meglio, 'focaccia per pan', visto che si parla di Spezia. 

«Un pareggio che vale una vittoria, ci siamo ripresi, in parte, i punti dell'andata: un punto che ne vale tre» - il pensiero comune dei tifosi, intervistati da La Nazione. Tifosi che, poi, si sono addentrati nelle particolarità della partita del sabato appena passato: «Spezia titubante e meno pimpante del solito nel primo tempo, forse la formazione iniziale non è stata proprio azzeccata, ma poi Italiano ha capito tutto, stravolgendo la squadra con i cambi»; «Partenza contratta, ho visto la squadra tesa, poi Mister Italiano ha dato la svolta con i cambi giusti».

Tra questi, uno dei cambi più apprezzati è stato sicuramente quello di Leo Sena, artefice, insieme a Gyasi, della rimonta bianca: «Sena Maestoso, ha dato la svolta gestendo ottimamente il centrocampo; un encomio particolare lo merita il nostro Gyasi, cuore di Spezia, alla sua prima e meritata doppietta in Serie A» - un pensiero condiviso anche da altri tifosi: «Leo Sena ha dimostrato tutta la sua grande qualità tecnica, dieci e lode a Gyasi che si merita questa doppietta perché il suo è un contributo costante all'insegna del sacrificio. Un plauso anche a Verde che ha dato brio alla manovra».

Ora, però, arriva la Juventus di Cristiano Ronaldo: «Ora sotto con la Juventus - afferma un tifoso - nel 2007 avevamo vinto, speriamo nella cabala».

Chiosa sulla salvezza. Il punto raccolto sabato al 'Picco' è stato fondamentale e i tifosi non hanno dubbi: «Ci salviamo al cento per cento. Il punto conquistato contro il Parma è prezioso».

Sezione: Interviste / Data: Lun 01 marzo 2021 alle 12:00
Autore: Daniele Izzo
Vedi letture
Print