Pochi meglio di Walter Novellino conoscono le qualità che servono a una squadra per salvarsi. Intervenuto sulle frequenze di TMW Radio, il navigato allenatore ha analizzato la lotta per non retrocedere, nella quale è invischiato anche lo Spezia

«Certo, al di là dei nomi è ancora dentro alla bagarre. I nomi da soli non vincono e forse si è puntato troppo su quelli, ma le difficoltà ci sono state anche sul cambio di allenatore. Si è cercata troppo l'esperienza e l'improvvisazione: a volte paghi dazio. Devono stare attenti, perché il Benevento sembra facile da prendere ma non è così: sanno verticalizzare, non stanno facendo risultati ma giocano. Il Cagliari sta risalendo, sta facendo molto bene ed è una squadra organizzata, così come lo Spezia. Ma anche il Torino lo vedo recuperare e sono contento perché è la squadra del mio cuore. Sulla Fiorentina dico poi che, sperando si salvino, poi facciano una programmazione diversa: chi vuole rimanere bene, sennò via».

Sezione: Interviste / Data: Sab 08 maggio 2021 alle 12:45
Autore: Daniele Izzo
Vedi letture
Print