Lo Spezia, tra casi di positività e guai giudiziari, non passa un bel momento. Dal ritiro di Prato allo Stelvio però, intervenuto davanti le telecamere di Sky Sport, ha parlato Giulio Maggiore. Il capitano aquilotto ha toccato diversi temi, dal cambio di proprietà alla Nazionale, senza dimenticare logicamente i primi giorni agli ordini di Thiago Motta

«Le prime sensazioni sono positive: lo staff e il mister sono giovani e con idee innovative. Noi siamo pronti per ascoltarli e per metterle in pratica fin da subito. Ogni campionato in Serie A per lo Spezia sarà particolarmente difficile, non è mai scontato e bisognerà lottare fino all'ultima giornata. Ora, però, partiamo con un campionato già alle spalle e voglio far capire ai ragazzi giovani cosa significa indossare questa maglia. Voglio sfruttare al meglio questa occasione».

Dal campo alla società. Maggiore ha così commentato il cambio di proprietà avvenuto a metà dello scorso campionato: «Quando c'è un cambiamento, c'è sempre bisogno di un periodo di assestamento. Ma la società ci ha dimostrato vicinanza fin da subito: non ci resta che lavorare, assimilando i dettami dell'allenatore. Successivamente capiremo passo-passo i vari obiettivi e le varie sfaccettature della stagione».

Infine, un commento sulla Nazionale: «Potrà diventare un mio obiettivo nei prossimi anni di carriera. Ora ho ancora da migliorare tanto. Mancini ha senza dubbio mostrato una grande apertura ai giovani e cercherò di fare il meglio possibile per poter indossare un giorno la maglia azzurra, che è sicuramente il mio sogno».

Sezione: Interviste / Data: Dom 18 luglio 2021 alle 10:00
Autore: Daniele Izzo
vedi letture
Print