A pochi giorni dal fischio d'inizio di Venezia - Spezia, il doppio ex Michele Serena ha parlato a La Nuova Venezia della sfida tra due compagini già alla ricerca di importanti punti salvezza: 

«Non tiferò per nessuna, guarderò solo gli aspetti tecnici perché per me è speciale. Ho visto le partite dei veneti contro Empoli e Udinese e soprattutto con i toscani hanno giocato bene. Sono contento per loro e per Poggi e Collauto, finalmente arrivati nel calcio che conta. Lo Spezia? Un anno fa era nella stessa situazione del Venezia e giocò a lungo a Cesena prima di tornare al Picco. Ci voleva una sistemazione dello stadio con posti in più per il pubblico. La società ha dimostrato che se c’è la volontà di fare qualcosa si raggiunge l’obiettivo».

In linea con il suo passato sia nel golfo che in laguna, Serena ha poi parlato anche a La Nazione, analizzando più nello specifico la situazione dei bianchi: «Venezia - Spezia sarà sfida delicatissima? No, ma delicata si. Perché le due squadre saranno probabilmente concorrenti fino alla fine per la permanenza in categoria e come tale il risultato del match avrà un peso specifico importante in prospettiva».

Poi, sulla mancanza d'esperienza nello Spezia: «Si tratta di un dato di fatto - ha sottolineato Serena - la giovane età non porta esperienza. Anche Motta è alla seconda esperienza in panchina in A. Nella massima serie è fondamentale non sbagliare perché appena commetti un errore gli avversari ti puniscono».

Sezione: Interviste / Data: Ven 17 settembre 2021 alle 10:00
Autore: Daniele Izzo
vedi letture
Print