Acquistato la scorsa estate, Colombini è al primo ritiro con lo Spezia e si presenta ai nuovi tifosi nella nuova puntata del podcast ufficiale dello Spezia.

Sei cresciuto calcisticamente nell’Inter, dai tempi dell’Inter Academy fino alla primavera. La primavera dell'Inter è come se fosse una squadra riserve di grandissimo livello, com’è allenarsi in una società così importante?

"Sicuramente è una squadra di primo livello, partendo dallo staff e dalle strutture, anche con i compagni che arrivano dall'estero, ho fatto due anni e sicuramente sono stati due anni che mi sono serviti tantissimo fisicamente e mentalmente, facendo anche tornei come la Youth League dove ci sono dei ritmi che possono assomigliare più alle prime squadre".

Ecco la Youth League in cui ti sei tolto anche una bella soddisfazione di segnare contro il Barcellona, se non sbaglio proprio a Barcellona.

"Si tra l'altro in quella partita io partivo dalla panchina e sono entrato come esterno, non mi aspettavo il gol perché non segnavo da un anno, tra l'altro in amichevole con il Barcellona in un torneo estivo, però è arrivata quella palla sul secondo palo e ho fatto quel gol che sicuramente sarà indimenticabile anche perché l’ho segnato nello stadio nuovo che avevano appena inaugurato".

Descriviti anche un po’ ai tifosi dello Spezia, te sei al primo ritiro qui, descrivi un po’ il tuo ruolo, che tipo di calciatore sei, abbiamo detto che sei un terzino molto veloce.

"Sono un terzino abbastanza tecnico, sicuramente mi manca ancora qualcosa nel fisico e credo che una delle mie forze siano le scelte di giocata. Difensivamente sono migliorato molto negli ultimi anni, anche l'ultimo anno in C dove la difesa conta tantissimo. Offensivamente spingo tanto quindi sono un terzino che riesce a far bene tutte e due le fasi, però sicuramente la cosa in cui devo migliorare di più è il fisico e in questo ritiro ci stiamo lavorando".

Sei veloce sulla fascia ma sei anche un grande appassionato di moto GP.

"Si oltre al calcio probabilmente la mia altra grande passione è la moto GP, la seguo spesso, ovviamente il mio idolo è Valentino Rossi anche se adesso si sta concludendo la sua carriera. Sicuramente come idolo sportivo in generale, anche tralasciando il calcio, è un esempio da seguire per me".

Sei al tuo primo ritiro con lo Spezia anche se sei stato acquistato la scorsa estate, terminato il ritiro a Prato allo Stelvio siamo arrivati qui a Ronzone, come ti sembrano questi primi giorni? 

"Sono stati dei giorni positivi anche se purtroppo ci sono stati questi problemi con il Covid in cui non abbiamo potuto lavorare tutti insieme, però anche solo i lavori individuali sono stati importanti perché si è riusciti a lavorare comunque e anche i mister sono stati bravissimi a farci continuare a lavorare nonostante questo questa situazione".

Hai parlato di mister, com’è mister Thiago Motta? Spesso durante gli allenamenti ti dà dei consigli, com’è l'impatto con lui, con un grande campione.


"È stato positivo, poi io da tifoso dell'Inter lo conoscevo già però lui ti aiuta tantissimo, viene sempre lì a darti consigli, ci sta aiutando moltissimo e sta dando una mano alla squadra. Adesso con i lavori non individuali scopriremo ancora di più l'importanza del mister".
 

Sezione: Interviste / Data: Lun 26 luglio 2021 alle 17:30
Autore: Gian Maria Tosi
vedi letture
Print