L'estate 2021 porterà diverse novità in casa Spezia, a cominciare dallo stadio 'Picco' che sarà oggetto dei lavori di adeguamento che promettono di restituire presto al pubblico spezzino un impianto idoneo per ospitare la Serie A. Lo scorso dicembre lo studio milanese Dontstop era stato incaricato dal Comune di presentare il progetto di fattibilità tecnica, e da loro lo studio GAU ha ripreso il piano per il rifacimento della Curva Piscina.

L'architetto Michelle Brunello, autore insieme al socio Marco Brega del progetto iniziale, ha commentato la scelta dello Spezia di procedere immediatamente con i lavori:

«Siamo molto contenti che il percorso individuato a suo tempo con il Comune e la società sia quello che oggi si sta seguendo con il duplice scopo di giungere alla modernizzazione finale dello stadio, ottenendo al tempo stesso la deroga per non smettere di giocarvi dentro. Gli organi sportivi chiariscono che i diecimila posti devono essere assicurati: è una delle condizioni necessarie per avere una nuova deroga che contemplerà, immediatamente dopo, il rifacimento della tribuna principale. Così a settembre, se tutto andrà bene, lo Spezia avrà a disposizione il suo impianto.

Il 'Picco' è uno stadio stratificato nel tempo. C'è il contributo di un professionista importante come Gregotti, c'è la particolare posizione vicina al mare, c'è una viabilità particolare. Al di là di come verrà, l'impianto sarà un elemento urbano da vedere in un contesto più ampio: crediamo che l'area antistante lo stadio possa essere coinvolta in un processo complessivo di cambiamento urbano - riporta Cittadellaspezia».

Sezione: Interviste / Data: Sab 05 giugno 2021 alle 11:46
Autore: Lidia Vivaldi
vedi letture
Print